Endodonzia

Terapia canalare o devitalizzazione

terapia canalare o devitalizzazione

Se la carie non viene curata in tempo, i batteri avanzano all’interno del dente fino ad arrivare al nervo. Questo causa uno stato di infiammazione acuto che si manifesta con un dolore molto intenso e persistente. Il dente, quindi, non è più in grado di resistere e il nervo del dente muore. Questo tessuto non può rimanere in tale stato necrotico in quanto diventa un ricettacolo di batteri che si possono diffondere nell’organismo.

In questi casi si eseguono le terapie canalari o devitalizzazioni. Questo tipo di operazione rimuove il nervo o ciò che ne rimane e disinfetta il canale all’interno del dente. L’operazione si conclude con il riempimento del canale con un materiale termoplastico che sigilla lo spazio canalare rimasto vuoto. Grazie a questa tecnica è possibile salvare elementi dentali che, se non curati, sarebbero destinati a una estrazione.

Elementi devitalizzati ed estesamente ricostruiti dovranno poi essere ricoperti con delle corone protesiche per evitare che si fratturino. Infatti gli elementi devitalizzati hanno una resistenza meccanica notevolmente inferiore rispetto ai denti solamente “otturati”.